• +39 392 87 60 440
  • info@progettodimpresa.it
  • Lun - Ven 10:00 18:30

MISURA 6.1.1: L’INCENTIVO CHE PROMUOVE LA DIFFUSIONE DI PRATICHE DI “COMPOSTAGGIO DOMESTICO E DI COMUNITA’”

6_Compostaggio-domestico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Beneficiari

Possono partecipare al presente avviso i Comuni della Regione Siciliana, anche nelle loro forme associative regolarmente costituite al momento della presentazione dell’istanza, ARO (Ambiti di Raccolta Ottimali).

  1. Gli “Enti beneficiari”, devono essere in grado di:
    a) garantire la disponibilità delle aree e l’idoneità dei requisiti di localizzazione dei siti individuati per l’installazione e gestione degli impianti;
    b) destinare la gestione degli impianti di comunità a organismi collettivi, da individuare con procedure ad evidenza pubblica tramite apposita convenzione disciplinante le responsabilità di conduzione e gestione;
    c) gli impianti destinati al compostaggio locale (art. 214, comma 7 bis D.Lgs. 152/2006) saranno gestiti direttamente o attraverso l’individuazione di un soggetto esterno, in ogni caso alla loro gestione provvederanno Responsabili formati;
    d) disciplinare le pratiche del compostaggio di prossimità con uno specifico Regolamento comunale approvato con delibera del Consiglio comunale;
    e) garantire l’utilizzo del compost prodotto in conformità ai parametri di legge e regolamenti, tramite apposito/i piano/i di utilizzo.

Cosa si può realizzare

Sono ammissibili al contributo finanziario di cui al presente avviso le operazioni di acquisto ed installazione di compostiere elettromeccaniche o statiche per il trattamento della frazione organica di piccola scala, le strutture ausiliarie connesse alla installazione e gestione delle summenzionate apparecchiature e gli eventuali interventi di adeguamenti di strutture esistenti necessarie al funzionamento delle stesse.

Per il funzionamento degli impianti sono finanziabili, altresì, solo se correlate e funzionali all’installazione/realizzazione di impianti, e comunque nella misura massima del 5% dell’importo complessivo del progetto ammesso a finanziamento:

  • attività di informazione e coinvolgimento delle utenze, finalizzate alla partecipazione al progetto;
  • attività di addestramento dei soggetti gestori degli impianti all’uso delle attrezzature se incluse nel capitolato di fornitura delle stesse ;
  • attività amministrative di carattere generale per l’istituzione/aggiornamento e per la tenuta dell’Albo delle utenze conferenti;
  • attività di monitoraggio, verifica e controllo.
    I progetti, che possono prevedere l’acquisto e l’installazione di uno o più impianti di compostaggio, per essere ammessi a valutazione, oltre ai requisiti previsti al paragrafo 3.3 devono rispettare le seguenti condizioni per ogni singolo impianto oggetto dell’istanza:
    a. le installazione/i devono ricadere sul territorio della Regione Siciliana;
    b. la capacità massima di trattamento dell’apparecchiatura, facendo riferimento a quelle dichiarate dai produttori, non deve essere superiore a:
    i. 130 tonnellate anno per il compostaggio di comunità (D.M. n. 266 del 29 dicembre 2016);
    ii. 80 tonnellate anno per il compostaggio locale (comma 7-bis dell’art. 214 del D.lgs 152/2016).
    c. deve essere predisposto uno studio di fattibilità in cui vengono identificate aree destinatarie della tipologia di trattamento prevista.

Forma ed entità del Finanziamento


Il contributo finanziario in conto capitale è concesso fino al 100% dei costi totali ammissibili.

Il contributo concedibile per ciascun Ente beneficiario, non deve superare, indipendentemente dal numero di impianti oggetto dell’istanza i seguenti limiti, parametrati alla dimensione demografica (popolazione residente al 01.01.2018) dell’Ente beneficiario, misurata quale ma delle popolazioni di ogni comune associato:

  • € 350.000,00 fino a 5 mila abitanti;
  • € 800.000,00 fino a 25 mila abitanti;
  • € 1.200.000,00 fino a 100 mila abitanti;
  • € 1.500.000,00 oltre 100 mila abitanti.
    Il contributo concedibile, per singolo impianto, non può superare l’importo di € 220.000,00 con apparecchiature elettromeccaniche (fino a 130 tonnellate) e di € 180.000,00 nel caso di impianti statici (fino a 80 tonnellate).

Le domande potranno essere presentate fino alle ore 12:00 dell’11 giugno 2019.

Ing. Vito Alessio Iovino

email: progettodimpresa@gmail.com

cell. 3928760440

Iscriviti alla News Letter

No SPAM, soltanto informazioni utili per la tua impresa riguardo la finanza agevolata!

Condividi questo post Con gli amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *